IL TEMPO DELLE CHIMERE
PROJECT
ARTISTI
ITA
/
ENG
Salifou Lindou
Bio Artista

Salifou Lindou vive e lavora a Douala. Oggi membro del circolo Kapsiki, entra in contatto con l’arte fin da bambino:

le maschere e le statue che vede dagli artigiani e nel museo Palace con i suoi genitori a Foumban, sua città natale,

chiamata da molti “città delle arti”, hanno sempre fatto parte della sua vita. Ben presto inizia ad interessarsi alla

creazione e oggi è uno degli artisti camerunesi più celebri a livello nazionale e internazionale.

Le opere di Salifou Lindou sono una combinazione di diversi materiali: “Ho un talento per la manipolazione degli oggetti,

mi piace sperimentare”. Ricercatore instancabile, Salifou modella, struttura e distrugge utilizzando lamiere, cuoio,

acciaio, carta e molto altro. Sperimenta sempre con nuovi elementi per ricavare il meglio da essi.

Ad un primo sguardo, si potrebbe pensare che l’artista lavori controcorrente rispetto alle attuali tendenze dell’arte

contemporanea. In un’epoca in cui molti artisti fanno ritorno all’arte figurativa o addirittura all’iperrealismo, Lindou

va alla ricerca della tecnica perfetta per padroneggiare l’astrazione dei propri soggetti.

Come un bambino, lo dice lui stesso, Salifou esprime il bisogno di manipolare le forme, di esplorare i materiali e

infine di inventare scene. La sua capacità di orientare le linee, mettendo gli occhi, la bocca, il naso e qualsiasi altra

parte del corpo dei suoi personaggi al posto giusto, senza calcoli, mostra la sua perfetta padronanza del disegno e

l’espressione di libertà che emana da lui. In questo gioco, che è in definitiva la creazione artistica, tutto è permesso: l’artista, giocando con una massa di linee. le porta ad esprimersi solo per se stesse e i personaggi rappresentati mostrano una decisa indifferenza alla realtà. Nel corso di questa manipolazione, di questo armeggiare, l’artista finisce per toccare il segreto e il mistero della vita. La vita, la nostra vita, è un gioco, ma un gioco vizioso. Le sue opere, in una miscela di mezzi (disegno, pittura, collage, ecc.) ci raccontano la sua complessità. Nei giochi di forme astratte, Salifou infila figure complesse. Questa complessità si vede nelle linee marroni e scure che si mescolano e si aggrovigliano, formando caratteri atipici sui quali incolla

elementi che diventano stigmate. Si vedono anche linee che sembrano labirinti, questo labirinto che è la vita, una vita in cui l’uomo, che è al centro dell’opera di Salifou, deve lottare, scommettendo per vincere o perdere come in un casinò. È intorno a questa lotta e a questo gioco di strategie perpetue che la vita dell’essere umano gira quotidianamente. I suoi disegni mostrano figure forti ma fragili in universi caotici dove l’uomo libera i suoi impulsi, evoca le sue angosce, scarica la sua aggressività,

che è pienamente umana. Attraverso l’opera di Lindou, possiamo confermare che la creazione artistica e la vita hanno un’origine e una traiettoria comune.

 

Ruth Belinga

Storica dell’art

Opere
back